Calabria Blues Passion

XV Edizione “Memorial Marco Fiume”
21, 22, 23, 29 Luglio 2017

In memory of Candye Kane

Il “Calabria Blues Passion” – “Memorial Marco Fiume” nasce dal “Marco Fiume Blues Passion” Memorial-Festival, organizzato dalla “Associazione Musicale Marco Fiume” (No-Profit), giunto quest’anno al suo 15esimo anno di attività, ampliando i suoi orizzonti e proponendosi, a partire dall’edizione 2017, come l’unico, storico e autorevole evento dedicato al Blues della regione Calabria con ingresso gratuito.

Per la XV edizione abbiamo voluto introdurre due sostanziali novità: la prima, la rigenerazione del nome della manifestazione che introduce la Calabria, ponendosi così come evento caratterizzante regionale, la seconda – sicuramente più ambiziosa – quella di rendere la kermesse itinerante sul territorio in cui è nata e negli anni si è sviluppata.

Il Festival vorrebbe attivare un percorso virtuoso che sappia unire tutte le eccellenze del nostro territorio, quelle culturali, eno-gastronomiche e turistiche per contribuire a rendere ancora più “appetibile” la nostra Regione in tutti i sensi. Vogliamo valorizzare e rendere vitali, attraverso la nostra musica e gli spettacoli che proporremo, quelle aree archeologiche, gli edifici storici, le chiese monumentali e tutti quegli spazi che individueremo insieme ai comuni nostri partners del progetto. Pertanto saranno eventi collaterali la degustazione di prodotti tipici locali, visite guidate ai beni culturali delle città e zone limitrofe, in collaborazione con le associazioni cittadine.

Il nostro spirito, nondimeno, rimane con perseveranza quello di sempre: ricordare e onorare la passione per il Blues ed il Jazz che ha spinto Marco a volare oltre Oceano ed offrire ai turisti e ai calabresi le note e le voci più belle e autorevoli della musica Blues/Jazz presenti nel panorama internazionale. Un evento culturale solido ed apprezzato che è ormai atteso non solo dai residenti e vacanzieri, ma da un vasto e folto pubblico proveniente da tutta Italia (e non solo) per assistere e allietarsi dell’incredibile parterre di ospiti che il Memorial-Festival propone ogni anno.

Il Memorial celebra il giovane Marco Fiume, chitarrista calabrese di talento, prematuramente scomparso nel 2002, confermando con chiarezza la valenza di questo progetto nato per ricordare un sogno e una passione, all’insegna dell’amicizia e della collaborazione tra i più grandi artisti del genere. Una manifestazione cresciuta negli anni in esperienza e professionalità e, soprattutto, in popolarità; una kermesse che ha proposto personaggi mitici del panorama Blues/Jazz internazionale, i quali hanno contribuito a rendere questo appuntamento annuale una delle Rassegne Blues più significative e qualificate in Europa.

Dire di Marco: servono a poco le parole, poiché è nel linguaggio musicale il senso del suo esistere. Il 21 marzo 2002, a Santa Monica, in California, alla vigilia del suo trentesimo compleanno, un incidente spezza la sua vita, caratterizzata da una travolgente passione: il Blues. La determinazione con cui persegue questa passione lo porta giovanissimo in California e ne fa, in breve tempo, un musicista che può suonare alla pari con i maggiori bluesman statunitensi, con i quali instaura anche profondi ed importanti rapporti di amicizia. Orgoglioso delle sue origini, Marco aveva portato la sua amatissima Calabria in America. Ora, per volere di sua madre, Maria Giulia Sorrentino, dotata della stessa determinazione, e dei suoi compagni di Blues, l’America viene in Calabria, caricando di senso la perdita. Il ricordo di Marco è sempre vivo tra i suoi amici e compagni d’avventura americani che continuano generosamente a venire in questa bellissima, ma per loro sconosciuta, Calabria. Questo è il miracolo della vera musica: riuscire a creare un legame profondo e duraturo tra culture diverse e paesi lontani. Così Marco ha vinto la sua scommessa: far vivere il blues perché il blues è passione e la passione lega tutti quelli che lo amano.

In questi 14 anni si sono alternati sul palco del Marco Fiume Blues Passion alcuni dei più grandi artisti della scena Blues/Jazz internazionale, tra i quali:
Junior WATSON, Alex SCHULTZ, Candye KANE, Jeff TURMES, Janiva MAGNESS, Louisiana RED, Duke ROBILLARD, Lynwood SLIM, Kid RAMOS, Enrico CRIVELLARO, Finis TASBY, Big Pete PEARSON, Ronnie BAKER BROOKS, Michael ‘Iron Man’ BURKS, Kirk FLETCHER, Jake LA BOTZ, Igor PRADO, Diunna GREENLEAF, Randy CHORTKOFF, The MANNISH BOYS, Sax GORDON, Bob CORRITORE, Sweet BETTY, Jimmy MORELLO, Chris CAIN, Dede PRIEST, Maurizio PUGNO, Alberto MARSICO, Gio ROSSI, Kellie RUCKER, Mz. DEE, Eric ‘Guitar’ DAVIS, Rusty WRIGHT, Lisa OTEY, Kathleen WILLIAMSON, Dave KEYES, Albert CUMMINGS, Guitar RAY & THE GAMBLERS, Marco MEUCCI & THE RED WAGONS, Mario INSENGA & BLUE STUFF, Egidio ‘Juke’ INGALA, Robi ZONCA, Franck “Paris Slim” GOLDWASSER, Raymond “Guitar Ray” NIJENHUIS, Leon BLUE, Chris JAMES, Anthony STELMASZACK, Marco PANDOLFI, DELTA MOON, Matthew LEE, Shanna WATERSTOWN, Susan ARTEMIS, Gina SICILIA, Martin BARTER, Brendan J. RAYNER, THE BLUES QUEEN, Luca GIORDANO BAND, Jeffrey P. ROSS, Rowland JONES, Juwana JENKINS, Stefania CALANDRA, Julien “JB Boogie” BRUNETAUD, Giò VESCOVI, Pascal FOUQUET, Thibaut CHOPIN, Yann COLE, Tito ESPOSITO, Baba SISSOKO e tanti altri.

Quest’anno il festival e’ dedicato alla memoria di Candye Kane, recentemente scomparsa, nella cui band Marco ha suonato per oltre tre anni.

Oltre all’ascolto di buona musica, nel contesto di alcune edizioni è stato proposto il documentario di Lucio Gagliardi “The Bloomed Blue River”, frutto della sua tesi di Laurea in “Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione” presso il Politecnico di Torino. Un omaggio a Marco e alla sua passione per il Blues. Un viaggio tra ricordi e note, una raccolta di testimonianze degli artisti che con Marco hanno suonato e condiviso la quotidianità, onorando quelle che erano le caratteristiche del suo stile e l’obiettivo della sua ricerca musicale: The Bluesy side of Jazz… The Jazzy side of Blues…
(http://vimeo.com/15541169).

Infine, consentiteci solo di evidenziare il totale consenso, l’interesse, la partecipazione, le innumerevoli manifestazioni di simpatia e di affetto dimostrato dal pubblico numeroso e dai turisti stranieri, senza dimenticare l’entusiasmo suscitato negli addetti ai lavori (stampa, radio, TV) che si sono prodigati con interviste, articoli, reportage e riprese. Ci auguriamo che questa edizione possa finalmente farci ottenere l’attenzione dovuta e che gli Enti pubblici possano elargire il giusto riconoscimento a questa prestigiosa kermesse internazionale che, non dimentichiamo, contribuisce ad arricchire il patrimonio culturale musicale della nostra Regione e che porta all’estero un’immagine positiva di questa terra; un evento che meriterebbe di essere inserito nella programmazione delle grandi manifestazioni da sponsorizzare e sostenere. Da parte nostra, noi proseguiremo, con immutata passione, a portare il Blues in questa nostra terra di Calabria.

PROGRAMMA:
Rossano, Torre S. Angelo: 21-22 luglio 2017 – ore 21:30
Sibari: Parco Archeologico: 23 luglio 2017 – ore 21:30
Mirto, Lungomare Centofontane: 29 luglio 2017 – ore 21:30

Vi aspettiamo numerosi !!!
OPEN AIR – TOTALLY FREE !

The Bluesy side of Jazz… The Jazzy side of Blues